Sabato 16 Novembre 2019
logo Giornata Migrantes
15 GENNAIO 2017  ~  Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato
 Giornata Mondiale delle Migrazioni 2016 - Primo piano 
Primo piano   versione testuale
 
  • Video Giornata Mondiale Migrante e Rifugiato 2016
  • Conferenza stampa Giornata Mondiale Migrazioni 2016
  • Galleria fotografica Conferenza stampa GMM 2016
  • Intervento Mons. Perego

    La Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2016 cade in un momento particolare per la situazione delle migrazioni economiche e forzate in Europa e in Italia. Cresce la paura, crescono i rischi non solo di alzare muri, di forme di protezionismo, di limitazioni al welfare per i migranti, ma anche di scontri e conflittualità sociale all’interno dei Paesi europei intorno al tema delle migrazioni. Per queste ragioni, il Messaggio del Papa, quest’anno, risulta essere una traccia, un percorso di lettura del fenomeno migratorio, anche alla luce del Giubileo della misericordia. Come ogni anno ci fermiamo a considerare la situazione italiana.

  • Intervento S.E. Mons. Di Tora

    Questo amore nel fenomeno migratorio anzitutto scuote le coscienze, non può lasciare nell’indifferenza, l’indifferenza che diventa complicità nel dramma di chi fugge dalla morte, dalla miseria, dalla guerra, e concretamente porta a cercare, scoprire, inventare vie nuove di misericordia corporale e spirituale, sulla scia continuativa del Giubileo del 2000, in cui Papa Giovanni Paolo II aveva parlato di “fantasia della carità”.

  • Omelia Cardinale Antonio M. Veglio'
    17 gennaio 2016

    La Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato quest’anno guarda, in particolare, al cammino dei migranti che, in questi ultimi mesi, si è incrociato ancora più intensamente con quello dei rifugiati, cioè di chi è in fuga da 33 guerre in atto nel mondo, da disastri ambientali sempre più frequenti, da persecuzione politica e religiosa. Le immagini di questi mesi, che hanno alternato gesti di solidarietà e accoglienza a paure e nuovi muri che si sono innalzati ai confini dell’Europa nei confronti dei migranti, unitamente alle parole di papa Francesco, all’Angelus di domenica 6 settembre 2015, che invitavano “ogni parrocchia, casa religiosa, monastero, santuario d’Europa” ad accogliere una famiglia di richiedenti asilo e rifugiati, hanno interpellato la nostra coscienza a costruire cammini rinnovati di incontro e di accoglienza con i migranti e i rifugiati, quale ‘segno concreto’ di una Chiesa della misericordia.

  • Omelia S.Messa GMM 2016
  • Presentazione GMM TV 2000
  • Speciale SIR
  • stampasegnala